La pagina è in fase di realizzazione

I compagni di cordata

Il primo vero compagno di cordata è stato Fausto Susatti, accademico di Riva del Garda, che ha perso la vita nel tentativo di aprire una nuova via in solitaria sullo spigolo Sud-Ovest della Figlia di Cima Canali nel Gruppo delle Pale di San Martino. Morto lui, ho trovato Angelo Miorandi, anche lui di Rovereto, e poi Franco Solina accademico di Brescia. Ho scalato anche con Milo Navasa, grandissimo alpinista veronese, un tipo originale, a volte sboccato, ma un ragazzo meraviglioso. E poi con Mariano Frizzera, altro roveretano, compagno di Graziano Maffei detto "Feo".
Devo pure ricordare in ordine cronologico anche: Sergio Dorigotti, Camillo Gaifas, Bruno Manica, Carlo Manica, Mario Rippa, Michele Pedri, Gianni e Silvio Agostini, Mario Moser, Franco Salice, Andrea Oggioni e Josve Aiazzi (via della Concordia), Toni Gross (via Ezio Polo), Sandro Petrolli, Giuliano Tovazzi, Armando Biancardi (due nuove vie nel Marguareis), Marino Stenico (cima dei Mugoni), Nando Nusdeo, Casimiro Ferrari (ripetizione della via dei tedeschi alla cima grande di Lavaredo), Pierlorenzo Acquistapace, Andrea Mellano, Romano Perego, Gildo Airoldi (prima italiana alla nord dell'Eiger), Fausto Barozzi, Cesarino Fava e Cesare junior, don Luigi Garniga, padre Ernesto Milan, Attilio Frasson, Boris Cambic, Filippo Frasson, Mario Castellazzo, Ferdi Schneider, Carlo Frigieri, Carlo Casati, Vasco Taldo, Luca Prosser, Luciano Santini, Mario Rinaldi, Gianni Arcari, Piero Ravà e tutti quelli con i quali mi sono legato in cordata.
Ci può essere qualche errore di precedenza e forse qualche nome che ora mi sfugge.
Ma il compagno che la Provvidenza ha voluto assegnarmi nel periodo migliore della mia vita è stato Franco Solina al quale voglio bene come a un fratello. Quando sulla Marmolada tracciammo ne 1964 la "via dell'Ideale", dopo 54 ore di arrampicata e cinque bivacchi, a pochi tiri dall'uscita trovammo un bel terrazzino e lì restammo a lungo in contemplazione chiedendoci chi cee lo facesse fare di andarci a rinchiudere in un rifugio.